mercoledì 12 dicembre 2012

Passeggiare a Milano (2° parte).

Dopo avervi mostrato nel precedente post, i 2 itinerari della mia Milano, ve ne propongo un terzo.
Itinerario n° 3: da San Babila, verso i Navigli.
Questo 3° itinerario meneghino, alternerà viuzze nascoste, per nulla trafficate a vie frenetiche di viavai e vetrine.
Piazza San Babila- MM1 linea rossa (photo, qui)
 Partenza da piazza San Babila. Prendete via Borgogna e girate a destra in via Cerva.
Via Cerva: un'altra dimensione, nel centro di Milano (photo, qui)
A me questa vietta piace: è parallela a 2 vie molto frenetiche (corso Europa e via Durini), ma sembra sospesa in un'altra dimensione. C'è un negozietto che vende tutte le essenze di the, ed io non mi faccio mai mancare la mia scorta al gusto panettone (presente solo, sotto Natale).

In fondo alla via, si arriva in Largo Augusto. Prendete la piccola via Cavallotti e girate a sinistra in corso Europa.
Facciata e (uno dei tanti) cortili della Ca' Granda. (photo, qui).
Attraversate via Verziere, dirigendovi verso piazza  Santo Stefano, e prendete via Festa del Perdono. Lì c'è la Ca' Granda, un tempo ospedale, ed ora splendida università. Potete accedere liberamente e vedere la bellezza dei suoi cortili, chiostri e porticati. Se capitate a Milano durante il Salone del design, in ogni cortile, troverete diverse installazioni contemporanee.
Proseguite dritto, per via Festa del Perdono, che diventa poi via Osti e svoltate a destra in corso di Porta Romana.
Vigano', in via Paolo da Cannobio, n° 39 (sito e photo, qui).
Se amate le perline e le botteghe di una volta, poco più avanti a destra, c'è Vigano'.
Se invece volete continuare a passeggiare per Milano, attraversate piazza Missori, prendete via Gonzaga, sbucate in piazza Diaz, ed andate a sinistra in via Giardino.
Attraversate via Mazzini ed andate a destra in via Speronari.
Via Speronari con l'ortolano più vecchio di Milano (photo, qui).
Questa graziosa vietta, vi porterà dritti nel simpatico delirio di via Torino... 
Il viavai di via Torino (photo, qui)
...piena di vetrine e di fiumi di persone (in prevalenza ragazzi, perchè da sempre questa è la loro via).
La splendida facciata liberty di Peck (photo, qui)
Però, se da via Speronari, prima di svoltare a sinistra per via Torino, tirate dritto per una decina di metri in via Spadari, potrete ammirare lo splendido palazzo liberty di Peck ( un’istituzione dal 1883...praticamente una mega boutique di’enogastronomia. 
L'entrata è libera ed in un attimo sarete catturati dalla marmellata che non trovavate da secoli, o da quella cosetta lì, alla quale non saprete rinunciare).
Lo scintillio di Ladurée (photo, qui).
Neanche a farlo apposta, di fronte a Peck, c'è Ladurée: paradiso per occhi e palato, per la bellezza delle sue vetrine e per la bontà dei suoi macaròns!
Dopo questa incursione, gioia per le vostre papille e pupille, ritornate su via Torino.


Chiesa di San satiro in via Torino (photo, qui).
Nascosta tra i palazzi e le vetrine, c'è la chiesa di San Satiro, che merita anche solo una breve visita...
L'illusione prospettica creata dal Bramante (photo, qui).
 ...per il prodigio architettonico/illusorio del Bramante: ha risolto in meno di un metro, questo popo' di prospettiva, presente nell'abside, dietro l'altare.
Anche quando la vedrete, non ci crederete.
Scorcio di via Torino: sopra le case, e sotto il caos :-) (photo, qui).
Riprendiamo di nuovo da via Torino: è il caso che vi faccia proseguire, prima che si faccia notte :-). A metà di questa via (con alle spalle il Duomo), troverete sulla destra una vietta: San Maurilio.
Via San Maurilio (traversa di via Torino).
Percorretela per pochi metri (sino a via Zecca Vecchia) e ci troverete un bel negozio con tanti tipi di carte, uno con eco-borse da riciclo, un bel negozietto con chicche da giardino (ed altro), ed uno di home decòr, molto shabby chic 
 -aggiornamento del 15/03/13: sob, il negozio di eco-borse ed il negozio shabby, hanno chiuso :(((...ed ora la via si sta appiattendo come tante altre :(((-
Da via San Maurilio, si dipanano altri vicoletti, ma diverrebbe un itinerario troppo lungo.
Indi per cui, tornate indietro in via Torino.
(se invece volete avventurarvi, vi rimando a questo post).

Le colonne di San Lorenzo, alte 8 metri (photo, qui).
Arrivate sino in Largo Carrobbio, e girate a sinistra, verso le colonne di San Lorenzo.
Per le amanti dello scrap e del craft, lì vicinissimo (in via Pio IV, al 3), c'è un negozio molto rifornito.
Oltrepassate porta Ticinese, e percorrete il corso omonimo, fino a Piazza XXIV Maggio, poi, a destra in Viale Gorizia, costeggiando la Darsena.  

Le casettine basse lungo i Navigli (photo, qui)
Uno dei tanti bei cortli sui Navigli (photo, qui)
La vecchia Milano, nascosta nei cortili (photo, qui)
Il cortile degli artisti, in Alzaia Naviglio Grande (photo,  qui ).
Siete finalmente arrivati ai Navigli, che in qualche modo è il quartiere degli artisti e della movida notturna (insieme a Brera). Non mancate di dare una sbirciata, ad ogni cortile che troverete aperto: c'è della poesia in ognuno di loro.
Vicolo Lavandai (photo, qui).
Lungo Alzaia Naviglio Grande, v'imbatterete nel fotografatissimo Vicolo dei Lavandai, ricordo di una Milano che fu.
Il meglio di sè, i Navigli, lo danno da giugno a settembre, quando dopo il crepuscolo, vengono pedonalizzati. Diventano così, tutto un fiorire di tavolini all'aperto, bancarelle, botteghe aperte e tanti localini.
Ogni utima domenica del mese, c'è il mercatone dell'antiquariato, e...
Navigli illuminati a Natale (photo, qui).
... in questo periodo dell'anno, sono sempre illuminati così.

Durata percorso: 3 ore abbondanti. Ma anche 4 considerando le normali ed ovvie, soste vetrine, lo sgranchiamento gambe, il caffettino all'angolo, ed un cheeseeeee per la foto ricordo ;-)
(to be continued)...

36 commenti:

  1. che nostalgia ho di milano...la prima città italiana nella quale ho vissuta...non la dimenticherò mai...grazie per questa passeggiata!!!
    cari saluti teresa

    RispondiElimina
  2. Riesci a far sembrare una favola anche il caos inimmaginabile di MI
    una poesia.
    Margherita

    RispondiElimina
  3. E io che ho sempre fatto via Torino diretta, Duomo-Fnac preoccupandomi solo di scansare i pedoni (innumerevoli, ma hai ragione, più che altro giovani)!
    Però conosco Viganò! Straordinario, ricordo che la prima volta che ci sono entrata sono stata affascinata dall'odore del legno, da tutti quei cassettini di legno! Devo fare assolutamente questo itinerario... e assaggiare il tè al gusto panettone... e i macarons!

    RispondiElimina
  4. MI fai venire sempre più voglia!!! :)

    RispondiElimina
  5. Mi rendo conto che Milano nn la conosco quasi per niente! e prima o poi mi dovrò concedere un weekend Lunnngo per visitarla al meglio!! anche xkè brava anche come Cicerone...ora mi è venuta una voglia "compulsiva" di visitarla al più presto!!

    RispondiElimina
  6. I primi del 2013...gita a Milano!

    ;)
    un abbraccio

    Francesca

    RispondiElimina
  7. Ah ecco Elenì, di San Satiro ne hai parlato qui! :D
    Bello bello questo itinerario, a me piace molto la zona vicino p.ta ticinese per i negozietti originali. Consiglio a tutte un bel giro in tram, stile Lisbona ;) Il tram ha il giusto passo lento che ti permette di guardare, lasciando riposare i piedini :D

    RispondiElimina
  8. wow elenita in versione guida turistica!! meravigliosa, fantastici i percorsi che hai proposto!!! sono tanti i posti e gli angolini che adoro, ma ora sono curiosa di andare a provare il the al panettone!!
    baciotti, e per oggi è prevista neve!!

    RispondiElimina
  9. claudia caprara13 dicembre 2012 12:29

    Elenita, che spettacolo!
    4 ore???? le passo tutte nel negozio di perline! per fare tutti questi magnifici percorsi mi ci vuole almeno una settimana....
    e sì, assolutamente con una temperatura un pochino più clemente di quella che c'è adesso!
    grazie per averci illuminato!!!
    smack
    C

    RispondiElimina
  10. Che guida favolosa!!! Ti viene subito voglia di venire li a Milano per passeggiare e lustrarci gli occhi!!! Il vicolo Lavandai l'ho fotografato anch'io e il negozio vicinissimo alle colonne di S.Lorenzo lo conosco benissimo!!
    Baci
    Luciana

    RispondiElimina
  11. sempre più bella Milano... attraverso i tuoi a forma di fiore tutto sembra più bello ed accattivante......... urge proprio una visitina, mica me la ricordo così meravigliosamente interessante!!!!! thanks

    RispondiElimina
  12. bravissima, splendida guida!
    Ottima la segnalazione di San Satiro che, anche chi vive a Milano da anni, spesso non conosce

    RispondiElimina
  13. Ho letto tutto d'un fiato !!! Un itinerario più bello Dell 'altro
    Conosco la zona navigli , vengo in giugno al libraccio x i libri dei ragazzi e poi mi fermo per un giretto veloce , forse troppo di corsa per apprezzarne la vera bellezza , sapere e conoscere che esistono tante vie e negozi che ci fanno passare momenti spensierati e felici , e' davvero meraviglioso . Grazie penso di rifare il numero due come tutti gli anni Ginevra vuole andare in Duomo e se c'è la pista di pattinaggio li o all' Indro Montanelli ...aleeee si pattina ...
    Ciaooooo Elena
    Monica

    RispondiElimina
  14. Ecco lo vedi?????
    Riesci a colorare anche la grigia Milano(luogo comune assolutamente fuori luogo)
    Bello il giretto.
    Sul the al panettone.....ci stanno i canditi????Perchè a me il panettone piace assai ehhhh.
    Un baciotto

    RispondiElimina
  15. Grazie per il tour!
    Ora finalmente so dove hanno girato il film di Verdone..:P

    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Maledetto il giorno che ti ho incontrato"
      (uno dei miei preferiti)..è stato girato gran parte a Milano. Mi sono sempre chiesta dove avessero girato la scena davanti alle colonne (proprio di fronte alla casa della Margherita Buy), ora grazie a te è stato svelato l'arcano!

      ciao
      baci

      Elimina
  16. Elenita querida.
    Pensa che non sono mai stata a Milano.
    Sarai la mia guida;)
    Buona serata!

    RispondiElimina
  17. anche se conosco bene questi luoghi, sono felice di ritrovarli da te, e vederli decantati col giusto onore che meritano, alla faccia di chi dice che milano è brutta, ma in realtà non sa amarla.
    grazie grazie grazie sandra frollini

    RispondiElimina
  18. Davvero un bel post come i posti che hai descritto. Zona Ticinese piace anche a me.
    Ti ho pensato prprio questa mattina mentre facevo il giro nel centro, hehe, mi è venuto in mente il tuo precedente post!

    Ciao,
    Goga

    RispondiElimina
  19. Che bello questo post elena :D
    E' sempre bello conoscere i luoghi un po' meno turistici e più poetici di una città :D

    RispondiElimina
  20. Splendido post Brava! Finalmente qualcuno in grado di valorizzare Milano. Ah io adoro corso Como 10. Un altro negozio carino che ho scoperto perche' degli amici mi hanno fatto un regalo e' BIANCO LATTE

    RispondiElimina
  21. Mamma mia quanto mi piace Milano!!! Ci ho vissuto per quasi 11 anni, fino a pochi mesi fa (e ancora mi sento milanese) ed è stata dura decidere di lasciarla, anche se per andare a vivere con il moroso/futuromarito!
    Ora la frequento per lavoro, ma decisamente non è la stessa cosa...
    Grazie per questa splendida passeggiata virtuale! :)

    RispondiElimina
  22. che bèl! Tanti post a io vist con ti, altri ai vedarò pö. Bella la Milano che amo, e poi c'è pure la Zuzzy che adoro. Ma che posso volere di più? Ah si, lo so, vederti presto e fare tanto bla bla bla bislacco tra le viuzze golose, decor e pittoresche con te. Rifare il mondo again, con te è sempre speciale!

    RispondiElimina
  23. Una Milano così non l'ho mai vista. Per me è concerti all'Alcatraz, mostre, corsi di aggiornamento. I tuoi post mi fanno ricredere! Grazie Elenita, tengo da parte!
    Paola

    RispondiElimina
  24. OOoohhh caspiterina Elenita... mi stavo perdendo la 2° "part" dalla nostra Milan... bella... bellissima!!! Questo 3° itinerario mi è piaciuto un sacco... mi sono ritrovata in molti angolini e negozietti a me tanto cari!!! Eh si Milan l'è un grand Milan... si dice così??!!
    Un bacionzolo a te e tantissimi auguri di buone feste!!
    Eli

    RispondiElimina
  25. Mi sono goduta questi bei post sulla mia città...che amo e detesto allo stesso tempo, un rapporto complicato ahimè.
    baci

    RispondiElimina
  26. Grazie ele, mi hai fatto apprezzare ancora di piú la tua citta..

    RispondiElimina
  27. Ma super grazie Elena! proprio i primi di gennaio sarò a Milano per un paio di giorni e farò tesoro dei tuoi preziosissimi consigli.
    E poi.. passo di qui per farti gli auguri di un felice e gioiosissimo Natale con la tua famiglia!!!
    Abbracci stretti Giulia

    RispondiElimina
  28. quando a milano tornerò (per ora non credo) uno squillo ti darò ed un bel tè insieme a te gusterò.
    buon natale di tutto ♥, mia Signora creativa.
    cecilia

    RispondiElimina
  29. E natale è arrivato, domani i preparativi e ci siamo!!!

    Ti auguro un Sereno Natale e un Nuovo Anno positivo, ricco di opportunità, soddisfazioni e creatività!!!

    bacioni eli

    RispondiElimina
  30. Ecco, questa è la Milano a me sconosciuta, sarà per la prossima visita a mia cognata.
    Ti voglio augurare delle buone feste ed un nuovo anno pieno di soddisfazioni personnali e professionali. Continua a dare colore alla tua ed alle nostre vite. Ti mando un grosso bacio dal mio Portogallo.

    RispondiElimina
  31. Bellissima passeggiata virtuale nella affascinante e ricca Milano anche a me purtroppo sconosciuta!
    Colgo l'occasione per Augurarti Buone feste Natalizie!Bacioni coloratissimi!

    RispondiElimina
  32. Quant'è bello passeggiare in tua compagnia! Belle le tue descrizioni, le foto scelte e l'entusiasmo che vi hai racchiuso, vien voglia di prendere il treno e venire lì....potresti fare anche la guida turistica, saresti amata anche così, ne sono certa!! Essendo da poco trascorsa la giornata di Natale, ti lascio i miei auguri anche qui: spero per te giornate di vera gioia e amore! Un bacio e grazie per la tua affettuosa presenza....Monica

    RispondiElimina
  33. Grazie per averci mostrato queste bellissime fotografie.Mi piacerebbe molto fare questo giro e vedere dal vero questa Milano così romantica,ciao Luisa

    RispondiElimina
  34. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  35. Magnifique ! Conosco un po Milano venivo spesso negli anni 70 ma vista cosi mi sembra molto più bella e mi fai venire la voglia di rivederla. Allora sul Naviglio era l'inizio del restauro, e della "appréciation" dei luoghi.Grazie per la passegiata.
    Buona domenica
    Cécile

    RispondiElimina

Siete sempre molto gentili a venirmi a commentare, perché ora io quel tempo per farlo nei vostri blog, non ce l' ho più e me ne dispiaccio. Per cui il sapere che i vostri commenti siano disinteressati, e non mirati ad avere risposte in cambio nel proprio blog, dà ancora più valore al tempo che mi dedicate. Grazie di cuore. elenita